Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Parole O_Stili per parlare della scuola

Sono stata a Milano lo scorso 9 febbraio, invitata da Giovanni Boccia Artieri a parlare di Finlandia, Byod e Flipped Classroom. Quello di cui mi premeva parlare però erano gli studenti, e le parole che hanno usato nella mie classi per parlare di emozioni e sentimenti. La scuola ha un compito arduo: deve educare alla narrazione di sé, dei propri vissuti, di ciò che si prova mentre si vive. Lo so, non sono contenuti disciplinari, ma sono vitali per la sopravvivenza del genere umano. E la presenza dei ragazzi e delle ragazze sui social racconta proprio questo: un disperato desiderio di comunicare col mondo, quello stesso mondo nel quale una ragazza di diciotto anni può essere uccisa e tagliata a pezzi su una terrazza romana o dove un ragazzo può essere pestato dai suoi coetanei sotto la metro, a Napoli. Se non a scuola dove dovrebbero imparare ad usare le parole per dire come si sentono e di che cosa hanno bisogno? Non è compito della classe desiderare un ambiente accogliente, che allest…

Ultimi post

Dieci a zero per la didattica

Dall'aula di cemento all'aula virtuale

Come mi sento oggi?

L'attendibilità delle fonti: ricercare in rete

Apprendimento e valutazione con le tecnologie didattiche innovative

Maker Faire: Innovazione e futuro

Testi e speech_3I_1 dicembre 2016

Sillabare in libertà_1G_29 novembre 2016

Personaggi e maschere_ 1G_12 ottobre 2016

Compito autentico in geografia: Tour nei Paesi Baltici_12 ottobre_3I

Verbi e modi indefiniti_3I_10 ottobre 2016

Flip-Me: esperienza di condivisione tra docenti

Il mastino dei Baskerville_3I_3 ottobre 2016

Schoolmakers a Cagliari

Cambiamo il finale della storia_1G_23 e 27 settembre

I Paesi dell'Europa centrale_21 settembre_3i

Prove di analisi del testo: Eugenio Montale giornalista_22-23 settembre_3I

Crea la storia_21-23 settembre_1G

ThingLink